DONNA E ISTITUZIONI, Nuova DWF (4) 1977

DONNA E ISTITUZIONI, Nuova DWF (4) 1977

Editoriale

Un invito

Bilancio del primo anno di attività. Annuncio dell’apertura della Biblioteca e del Centro Studi “Donna Woman Femme” presentati alle pagine 159-160.

Dibattito [Movimento e istituzioni]

Ecco l’argomento di una conversazione organizzata da “nuova dwf” tra Mariella Gramaglia e Manuela Fraire, del movimento femminista, Margherita Repetto dell’Unione Donne Italiane e Giglia Tedesco, deputata comunista. L’insuccesso, nel giugno scorso, della legge sull’aborto è stato il punto di partenza per esaminare le caratteristiche del movimento femminista in una prospettiva storica e per individuare le contraddizioni interne così come i suoi rapporti con la sinistra italiana.

Il problema della distinzione tra emancipazione e liberazione femminile ha fatto esplodere i contrasti più significativi. La necessità, in questo momento storico, di una forte autonomia del movimento delle donne è stata riconosciuta e sottolineata dalla generalità, senza che si siano pertanto perdute di vista le difficoltà di ordine pratico.

L’unificazione, infatti, delle diverse aggregazioni femministe – prima di tutto del movimento femminista propriamente detto e dell’Unione Donne Italiane, più legata alla vita politica dei partiti e del movimento sindacale – pretende strategie politiche complesse che dovranno essere stabilite sulla base di obbiettivi prioritari ben definiti. L’unificazione nella diversità sembra, in ogni modo, l’unica maniera per uscire da una crisi di identità politica abbastanza diffusa nelle aggregazioni di donne.

Indice

UNA LEGGE PER LA PARITÀ DI TRATTAMENTO TRA UOMINI E DONNE IN MATERIA DI LAVORO. Rilievi critici
Questo progetto, approvato il 30 giugno scorso dal Senato, si presenta come una delle ipotesi più significative per un intervento legislativo sulla condizione della donna in Italia, poiché dovrebbe servire ad eliminare la storica emarginazione della donna nell'ambito del lavoro. L'esame della profondità di tale emarginazione da un lato conferma la necessità di interventi assai più incisivi nel campo delle riforme sociali ed economiche, dall'altro rende particolarmente evidente e intollerabile il fatto che il progetto approvato manchi di contorni ben delimitati e di una accettabile operatività. Molti dubbi, sia per ragioni strettamente tecniche sia, più in generale, per ragioni politiche si possono avanzare sull'utilità effettiva della legge per una realizzazione delle aspirazioni delle donne nel campo dei rapporti di lavoro. Da qui la necessità di iniziative politiche volte ad ottenere, da parte del Parlamento, un secondo esame, più preciso, della presente legge e capace di produrre un cambiamento sostanziale.
LA DONNA NELLA SCUOLA DALL'UNITÀ D'ITALIA A OGGI. Leggi, pregiudizi, lotte e prospettive
Nella terza parte della sua analisi sulla posizione delle donne italiane nell'insegnamento, l'autrice si occupa degli anni dal dopoguerra fino ai nostri giorni. Benché la Repubblica, in via di principio, abbia dichiarato l'eguaglianza tra uomini e donne, la discriminazione delle donne nel mondo del lavoro continua fino ad oggi. Anche nell'insegnamento, malgrado una serie di nuove norme, sussistono alcune discriminazioni dell'epoca fascista. L'articolo si conclude con una presentazione delle proposte più recenti fatte nel Parlamento Italiano per eliminare ogni discriminazione a danno delle donne insegnanti.
PER UNA STORICIZZAZIONE DEL CONCETTO DI "OPPRESSIONE". Rilettura delle teorie lévi-straussiane di "proibizione dell'incesto" e di "scambio" delle donne
L'autrice rileva un'ambiguità costante alla base dell'interpretazione antropologica della donna nelle diverse culture. La donna è stata sempre accostata alla natura - ai confini della cultura. Alcune teorie antropologiche hanno largamente contributo alla formazione di un'ideologia che si basa su pretesi valori maschili e femminili. L'autrice si propone una revisione critica delle teorie dell'antropologia culturale riferite alle donne. E si oppone particolarmente alle interpretazioni idealistiche di Lévi-Strauss. Per questo autore le "strutture sociali" non coincidono con l'organizzazione sociale concreta, ma corrispondono a uno schema inconscio invariabile sul quale si fonderebbero i sistemi sociali, le cui diversità storiche e culturali non rappresenterebbero che delle variazioni. La critica marxista a Lévi-Strauss impone l'individuazione delle radici materiali dei fenomeni sociali, come la proibizione dell'incesto o lo scambio delle donne, e di darne una spiegazione materialistica. Le strutture parentali, viste sotto questo aspetto, dipendono dunque dai rapporti di produzione nel loro insieme, la contraddizione originaria tra i sessi - poiché le donne detengono il potere riproduttivo - essendo il fondamento essenziale della divisione del lavoro. Da qui la necessità, da parte degli uomini, del controllo sociale sulla procreazione, che è all'origine del potere maschile. Questo ci porta a mettere in questione il concetto universalistico e metastorico dell'oppressione della donna, che non prende in considerazione i fatti storici e socio-economici concreti. A livello simbolico si impone ugualmente una metodologia materialistica. L'equivalenza stabilita da Lévi-Strauss di donna-segno-natura, vista sotto questa luce si rivela come una mistificazione che contribuisce a rafforzare l'egemonia degli uomini sulle donne.
CON LE DONNE DEL VILLAGGIO DI KENYAL (PUNJAB)
Intenzionata a fare un'inchiesta sulle modalità del processo di politicizzazione nelle regioni rurali del Pakistan, l'autrice è stata costretta dai suoi ospiti pachistani a conformarsi ai costumi delle donne del villaggio; questo ha sconvolto completamente i suoi progetti ma le ha permesso, in cambio, un'esperienza unica: l'osservazione partecipante dell'oppressione della donna contadina del Pakistan. Si tratta di un approccio empirico, assolutamente consapevole del rischio di una prospettiva eurocentrica. Le regioni rurali pachistane si differenziano molto, dal punto di vista culturale, dalle zone urbane. Parallelamente ai principi musulmani si nota la persistenza - soprattutto a livello della vita quotidiana - dei costumi ancestrali della regione. Questo è particolarmente evidente quando si osserva il comportamento delle donne, di cui questo articolo fornisce una documentazione accurata.